Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali

EN IT
EN IT

Nuove migrazioni molisani

 

Gennaio-Dicembre 2013

Fonte del finanziamento: Regione Molise, Provincia di Campobasso

La mobilità lavorativa dei giovani diplomati e laureati, anche sulla scorta della crescente flessibilizzazione del mercato del lavoro, è sempre più caratterizzata da migrazioni a carattere temporaneo e a cadenza periodica. Si tratta di un fenomeno in buona parte ancora sommerso e poco studiato, in quanto la sua transitorietà e intermittenza lo rende impossibile da cogliere attraverso le abituali fonti amministrative, ma è importante che venga messo in luce per il forte impatto sull’economia e la coesione sociale nelle aree di partenza, nonché per l’incidenza sulla qualità della vita dei migranti e dei loro familiari.
In Molise, la discrepanza tra le aspettative dei giovani diplomati/laureati e la tipologia delle occupazioni offerte dal mercato locale è particolarmente intensa e produce molteplici forme di “pendolarismo a lungo raggio” verso le regioni del Centro-Nord e l’estero, che si affiancano alle migrazioni tradizionali.
Il progetto, finanziato dalla Regione Molise, viene svolto dall’IRPPS-CNR, per conto della Provincia di Campobasso, da parte di un gruppo di ricerca formato da Massimiliano Crisci, Frank Heins, Mattia Vitiello e Maria G. Caruso dell’IRPPS-CNR e da Oliviero Casacchia del Dipartimento di Scienze Statistiche della Sapienza Università di Roma.
Obiettivo generale del progetto è analizzare le migrazioni temporanee per lavoro dei molisani diplomati o laureati inquadrandole nel contesto delle diverse forme di mobilità che attraversano la regione: dalle migrazioni “definitive” a lungo raggio, al pendolarismo quotidiano.

Nello specifico, le migrazioni temporanee verranno studiate prestando particolare attenzione ai seguenti aspetti:
• Stima quantitativa e tendenze recenti del fenomeno
• Caratteristiche socio-demografiche dei migranti
• Durata e frequenza del trasferimento
• Scelta del luogo di destinazione e ruolo dei network sociali
• Ambito di inserimento lavorativo e livello di formazione dei migranti
• Impatto socio-economico della migrazione
• Percezioni e intenzioni future dei migranti

Dal punto di vista metodologico, si farà ricorso a due approcci differenti: uno di tipo quantitativo, tramite rassegna e analisi delle fonti statistiche già disponibili; l’altro di carattere qualitativo, attraverso lo svolgimento di interviste a testimoni privilegiati, di interviste biografiche in profondità ai migranti e di un’indagine con questionario autocompilato online (metodo CAWI) pubblicato sul sito del l’IRPPS-CNR

Frank Heins, Mattia Vitiello e Maria G. Caruso dell’IRPPS-CNR

Oliviero Casacchia del Dipartimento di Scienze Statistiche della Sapienza Università di Roma.